Contenuto pagina
Comune di Vallefoglia
Provincia di Pesaro e Urbino
Piazza IV Novembre, 6 - 61022 Vallefoglia (PU)

Carta d'identità (al 30 giugno2014)

Benvenuti nel sito istituzionale del Comune di Vallefoglia

Nato nel 2014 dalla fusione di Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola, il Comune di Vallefoglia (provincia di Pesaro e Urbino) si estende su una superficie di circa 30 km quadrati, al crocevia tra Marche, Umbria, Toscana e Romagna. Con oltre 15.000 abitanti è il terzo Comune della provincia di Pesaro e Urbino in ordine di popolazione residente ed è tra i venti più popolosi delle Marche.

A Vallefoglia si è sviluppato nel secondo dopoguerra uno dei principali distretti produttivi della regione, con più di 1.300 imprese attive nei settori dell’industria e artigianato, dei servizi, del commercio e dell’agricoltura, che ne fanno la seconda realtà economica della provincia di Pesaro e Urbino. Circa 40.000 persone usufruiscono dei servizi offerti da Vallefoglia, dove l’11,5% della popolazione lavora nel settore del commercio (il secondo per persone impiegate dopo il manufatturiero).

Con le sue colline ricche di borghi e castelli, il territorio di Vallefoglia si snoda intorno al corso dell’omonimo fiume (il Foglia, l’antico Isauro), la cui vallata è caratterizzata da estese coltivazioni di prodotti di grande qualità: vigne, uliveti, frutteti, ai quali si sono aggiunti negli ultimi anni strutture turistiche di eccellenza.

Le radici

Il territorio di Vallefoglia è ricco di storia: a Sant’Angelo in Lizzola nacquero l’architetto e ingegnere Giovanni Branca (1571-1645) e Terenzio Mamiani (1799-1885), letterato e statista che svolse un ruolo di primo piano nel Risorgimento italiano, mentre Colbordolo è la patria di Giovanni Santi (1440 ca.-1494), padre di Raffaello e valente pittore egli stesso. Ancora a Sant’Angelo sono legati i nomi di Giulio Perticari (1779-1822) e sua moglie Costanza Monti (1792-1840), con il loro cenacolo di intellettuali tra i quali Leopardi e Rossini; ciascuno dei numerosi borghi e castelli di Vallefoglia custodisce preziosi tesori d’arte, e non mancano edifici di singolare valore e bellezza, dalle piccole chiese di campagna alle pievi.

Nel territorio di Vallefoglia si trova tra gli altri Montefabbri, uno dei borghi più belli d’Italia, autentico scrigno di pace e bellezza; poco sotto, lungo il corso del fiume Foglia, è possibile visitare il cinquecentesco Mulino di Ponte Vecchio, intorno al quale si tramandano ancora le leggendarie gesta della Banda Grossi.

Un patrimonio importante, sul quale l’Amministrazione comunale investe in un’ottica non solo di conservazione ma anche e soprattutto sul versante della valorizzazione e promozione turistica, tenendo conto anche della particolare posizione di Vallefoglia, che si colloca a metà tra il mare di Pesaro e la città d’arte di Urbino.

Il futuro

Turismo e valorizzazione del territorio, green economy ed energie rinnovabili, opere di manutenzione, attenzione all’ambiente e alla sicurezza, qualificazione dei servizi alla persona anche grazie al nuovo Distretto Sanitario: queste le principali aree tematiche sulle quali si concentra l’opera dell’Amministrazione di Vallefoglia.

Il tema fondamentale resta però il lavoro: dalla formazione al sostegno alle start-up, dalla semplificazione burocratica al dialogo con le altre istituzioni di tutti i livelli il nostro principale impegno è rivolto a rilanciare gli investimenti, per favorire in ogni modo lo sviluppo di un territorio che ha forse più di altri risentito della crisi.

Coesione e partecipazione sono alla base delle nostre scelte, svolte grazie anche all’apporto degli stessi cittadini, chiamati a partecipare alle scelte di governo attraverso il Forum dei Giovani, il Forum delle Donne e quello del Lavoro. Proprio ai giovani è dedicato il “Capannone delle Idee”, cantiere di progettualità e spazio multifunzionale ricavato da un ex opificio, all’interno del quale troverà posto tra l’altro un’area destinata al co-working.

Grande attenzione riserviamo al rapporto con i Comuni limitrofi, a partire da Pesaro, Urbino e Fano per arrivare ai Comuni facenti parte dell’Unione Pian del Bruscolo: Montelabbate, Tavullia e Monteciccardo. Grazie alle strategie attivate in accordo con gli altri soggetti presenti sul territorio, nel rispetto delle singole peculiarità, Vallefoglia svolge e rafforzerà sempre più il proprio ruolo primario nella pianificazione urbanistica, nell’attrarre investimenti dall’Italia e dall’estero, nella progettazione di interventi realizzati con i fondi europei 2014-2020 e, in generale, nella definizione di una nuova visione politica capace di interpretare il cambiamento richiesto per uscire dalla crisi.

Copyright © 2017 Comune di Vallefoglia - Gestito con Docweb [id] - Cookie Policy